Umpa-Pah
Il Pellirossa che venne prima dei Galli

 

 

Correva l'anno 1948 quando un giovane René Goscinny viveva negli Stati Uniti dove era arrivato dietro invito di uno zio. All'inzio lavorò come traduttore incontrando successivamente, durante la collaborazione come autore in un piccolo studio artistico, personaggi quali Harvey Kurtzman, Willy Elder, John Severin e Jack Davis, che nel 1952 fondarono la rivista "MAD" destinata a cambiare l'immagine del fumetto statunitense. L'incontro con personaggi di quel calibro e con altri suoi conterranei, quali ad esempio quel Maurice de Bévère che firmava i suoi lavori come "Morris" e per il quale qualche anno dopo avrebbe sceneggiato Lucky Luke, portò Goscinny a formare un suo personale stile di scrittura e di ideazione di personaggi dalle caratteristiche comuni ben definite, dotati di humor, vitalità, coraggio e perspicacia che ne fecero un vero e proprio marchio inconfondibile, fino al successo mondiale di Asterix.

Prima del gallico eroe Goscinny, che nel frattempo tornato il Francia aveva inziato il suo sodalizio con Albert Uderzo, ideò altri personaggi quali il corsaro il corsaro Jehan Pistolet, Luc Junior e Umpa-pah, un acerbo pellerossa che nelle intenzioni iniziali dell'autore doveva vivere le sue avventure nella nostra epoca cimentandosi con la moderna tecnologia. L'idea, presentata già nel 1951 sotto forma di una breve storia di sei tavole, fu però scartata da vari editori tanto in patria quanto negli Stati uniti, ed il giovane pellerossa tornò nell'oblio.


(la prima versione del personaggio, nel 1951)


Li rimase fino al 1958 quando la coppia Goscinny ed Uderzo ripescò il personaggio ma lo trasferì temporalmente nel 18° secolo, all'epoca della colonizzazione americana, affiancato a dei francesi. Contemporaneamente il tratto inconfondibile di Uderzo si era affinato, ed il disegnatore aveva già preso a ritrarre in modo caricaturale i personaggi, ma per il giovane Umpa-pah continuò ad utilizzare la forma ipertrofica che lo aveva già distinto nelle tavole disegnate inizialmente, ridisegnando invece i comprimari.
Il nostro Umpa-pah (Oumpah-pah in francese, nome che ricalca onomatopeicamente un giro di valzer) è un indiano d'america forte, vitale e velocissimo, e precorre le caratteristiche che ritroveremo, affinate, in Asterix qualche anno più tardi. Appartenente alla tribù dei Shavanshavas (in italia Selavahlava), il pellerossa ha come spalla un giovane ufficiale francese, Hubert de la Pâte Feuilletée, che lui chiama "doppio scalpo" riferendosi alla parrucca incipriata usata all'epoca dagli europei.

Costantemente in guerra con la tribù nemica dei Flatfeet (piedipiatti), le avventure di Umpa-pah hanno ritmo, humor e trovate divertenti che ne decretarono l'uscita in edicola. Pubblicato in Francia sul Giornale di Tin Tin a partire dal 2 aprile 1958, il nostro eroe fu protagonista di cinque racconti.
Il contemporaneo successo di Asterix, però, costrinse la coppia Goscinny-Uderzo a fare delle scelte, non avendo tempo e risorse da infondere in entrambe le pubblicazioni. Quale fu la scelta era fin troppo facile prevederlo: la notorietà ed il successo quasi immediato del piccolo eroe gallico, unitamente alla scarsa affermazione che Umpa-pah aveva presso i lettori (la rivista monitorava costantemente il gradimento dei suoi fumetti, e il pellerossa era all'undicesimo posto tra i characters) fecero si che le avventure del cugino americano cessarono con l'ultimo episodio pubblicato nel 1962.

In Italia le avventure di Umpa-pah furono pubblicate inzialmente sul Corriere dei Piccoli. Successivamente sono usciti anche due albi cartonati simili a quelli più conosciuti di Asterix, pubblicati da Mondadori, che racchiudono le prime tre storie: il primo del 1998, presenta "Upa-pà il pellerossa" mentre il successivo, del 1999, pubblica "Umpa-pà sul sentiero di guerra" e "Umpa-pà contro i pirati".


L'inserto regalo del Corriere dei Piccoli n.27 del 1970


Il primo volume cartonato della Mondadori


il secondo cartonato Mondadori


il terzo volume Mondadori che pubblica le restanti storie

Una curiosità: tra la prima pubblicazione sul Corriere dei Piccoli e la successiva sugli albi della Mondadori sono stati cambiati molti nomi dei personaggi: il personaggio principale ha perso l'acca finale nel nome guadagnando un accento e diventando Umpa-pà, mentre la sua spalla, inizialmente chiamato Uberto di Gran Bignè si è traformato nella traduzione di Alba Avesini in Uberto de Pastafrolla. Anche la tribù è passata dall'essere quella dei Selavahlava a quella dei Scì-Scì-va-bene.

 

Bibliografia
(fonte: Fondazione Franco Fossati - Museo del Fumetto e della comunicazione. vedi in "Fonti e Risorse")

  1. "Oumpah-pah le peau-rouge" (Oumpah-pah il pellerossa, 1958) - Pubblicato su Tintin (ed. belga) dal n.14 al 28 del 1958; in Italia esce come "Umpah-Pah indiano-super", a puntate sul Corriere dei Piccoli dal n. 37 al 46 del 1967; poi su volume "Umpa-pà il pellerossa", edizione Mondadori, 1998.
  2. Oumpah–pah sur le sentier de la guerre (Oumpah-pah sul sentiero di guerra, 1958) - pubblicato su Tintin (ed. belga) dal n.48 del 1958 al n. 21 del 1959; in Italia esce come "Umpah-Pah sul sentiero di guerra", a puntate sul Corriere dei Piccoli dal n. 47 del 1967 al n. 3 del 1968;
  3. "Oumpah–pah et les pirates" (Oumpah-pah e i pirati, 1959) - Pubblicato su Tintin (ed. belga) dal n. 22 al 36 del 1959; in Italia esce come "Umpah-Pah e i pirati" a puntate sul Corriere dei Piccoli dal n. 29 al 35 del 1969; la seconda e la terza storia sono raccolte nel volume Mondadori "Umpa-pà il pellerossa - volume 2", Mondandori, 1999.
  4. "Oumpah–pah – Mission secrète" (Oumpah-pah - missione segreta, 1960) - Pubblicato su Tintin (ed. belga) dal n. 39 al 47 del 1960; in Italia esce come "Umpah-pah in missione segreta" in episodio completo, come supplemento al Corriere dei Piccoli n. 27 del 1970;
  5. "Oumpah–pah contre Foie–malade" (Oumpah-pah contro Fegato Malato, 1962), pubblicato su Tintin (ed. belga) dal n. 12 del 1961 al n. 29 del 1962; in Italia esce come "Umpah-pah contro Fegato in disordine", come episodio completo sul Corriere dei Piccoli n. 4 del 1970. La quarta e la quinta storia sono raccolte nel volume "Umpa-Pà il pellerossa - volume 3", Mondadori, 2000

Sandro Pescara

© 2010 - 2011 - Vintage Comics

Tags
Asterix; Obelix; BD; fumetto; francobelga; Goscinny; Uderzo;
COMMENTA
  puoi commentare questo articolo sul nostro Forum, cliccando qui

 

 

questo articolo è stato scritto da
Sandro Pescara

 

COMMENTI

Puoi commentare questo articolo cliccando qui

 

COLLABORA CON NOI

Se vuoi entrare a far parte della Redazione di VintageComics.it
clicca qui

 

 


CREDITS, POLICY E DIRITTI

© 2011 - www.vintagecomics.it