Marvel Chronicle
La Storia della Marvel in un unico volume


Per la serie "Quando Mi Ci Metto Faccio Le Cose Come Si Deve", ecco a noi MARVEL CHRONICLE (Marvel Italia, 352 pagine a colori, 45 euro), volumone celebrativo dei primi settanta anni della Casa delle Idee.
Quasi un oggetto d'arredo, il libro di grande formato (38 x 28 cm) si presenta nel suo contenitore rigido, un cofanetto/custodia in cartone pesante riproducente un disegno di Jim Cheung che raffigura un po' tutti i grandi personaggi Marvel con colori brillanti ed una stampa di grande qualità.

Una volta aperto il cofanetto ci troviamo di fronte al libro vero e proprio, ed a due sorprese.

La prima è la presenza di una tasca, dietro il coperchio del cofanetto, nella quale sono riposte due stampe del disegno di Cheung di copertina, una a colori firmata dall'autore ed una seconda in bianco/nero, entrambe formato A4. L'altra sorpresa è la copertina vera e propria del volume, che ha la forma di una grande "M". Insomma, il libro festeggia una ricorrenza importante e si vede da questi piccoli particolari che la Marvel ha voluto fare una cosa in grande, curando davvero bene l'aspetto estetico dell'oggetto.
Estratto il volume anche grazie alla piccola linguetta di stoffa posizionata all'occorrenza, si inizia a sfogliare il tutto ed è qui che comincia il bello.
Curato da tre esperti del fumetto americano, Peter Sanderson (storico e critico del fumetto USA, autore di vari testi sull'universo Marvel), Tom Brevoort (Editor Marvel, con nomination all'Eisner Award) e Tom DeFalco (autore storico Marvel, oltre che per un periodo anche Editor in chief per la Casa delle Idee), il libro si apre con un intervento dell'onnipresente Stan Lee, e si chiude con una postfazione di Joe Quesada. Ed inserite tra le parole del passato e del presente della Marvel ci sono circa 350 pagine che illustrano la storia editoriale e non di questa casa editrice partendo dal 1939, quando nel mese di ottobre Martin Goodman pubblicò il numero uno della rivista Marvel Comics, sotto l'etichetta della allora Timely Publications. I primi personaggi furono Ka-Zar, un tarzanide che ricalcava le orme del Tarzan di Borroughs, Angel, un giustiziere che ebbe al suo attivo un centinaio di episodi, ed un characters le cui gesta sono arrivate fino a noi: Sub-Mariner.
Tutta questa storia viene presentata con articoli, richiami, illustrazioni e con due pagine riproducenti altrettante tavole del fumetto originale dell'epoca in cui Namor fa la sua comparsa. Completano il quadro informativo una breve scaletta che riporta i principali accadimenti del 1939, che in qualche modo si collegano all'evolversi della storia della Marvel. Così leggiamo che nel '39 scoppia la Seconda Guerra Mondiale, ma anche che in quell'anno si tiene a New York il primo raduno di appassionati di fantascienza, o che si gettano le basi per lo studio dell'energia atomica, che tanto è stata successivamente utilizzata da Lee per giustificare la nascita dei suoi supereroi.
Come si capisce dal sottotitolo dell'opera (La Storia Anno Per Anno), il tutto è presentato come se fosse una sorta di diario, e si prosegue nella lettura del volume assistendo ogni due pagine al trascorrere di un anno, ed alla nascita della prima Torcia Umana, di Capita America, e così via.

Per ogni anno c'è un riassunto delle novità editoriali Marvel, e mese per mese una presentazione degli eventi più importanti del Marvel Universe. Il percorso è accompagnato da illustrazioni ben stampate e da testi ben scritti e mai pesanti, brevi ma esaustivi. Certamente il volume non può (e sicuramente non vuole) essere una sorta di enciclopedia della Marvel, ma serve a dare una buona conoscenza di quella che è stata la storia e l'evoluzione della casa editrice, ed in questo riesce più che bene. Graficamente sono molto accattivanti le doppie pagine riproducenti copertine o poster delle pubblicazioni dell'epoca, e la storia narrata anche se solo in superficie scorre praticamente tutta la produzione Marvel, dal Ka-Zar del 39 alla Secret Invasion di recentissima memoria. A chiudere e rendere più fruibile il volume troviamo un puntuale indice alfabetico che riporta testate e personaggi.
Per ultima voglio citare la terza sorpresa dell'opera, quella che mi ha colpito di più: il prezzo. 45 euro non sono di certo pochi, ma pensare che ormai in Panini hanno l'ardire di chiedere anche 18 euro per dei 100% che non valgono la carta su cui sono stampati, e pensando anche ai prezzi di volumi simili, bisogna ammettere che per il tipo di pubblicazione e per l'oggetto in se il prezzo non è affatto alto.
Certo, l'acquisto del volume non è destinato ad un pubblico qualsiasi. E' un prodotto per chi inizia ad interessarsi della storia dei fumetti, per chi vuole avere un riferimento di base per capire la provenienza o i perché di personaggi e testate Marvel, per chi vuole comunque avere in scaffale un pezzo che sarà destinato a valutarsi nel tempo.
Non è sicuramente un testo di approfondimento, non è un libro per storici incalliti, non è insomma un trattato specialistico per critici del fumetto, ma da quello che si vede fin dal modo di presentarsi del volume questa è una cosa che si capisce subito.
Il libro è un modo divertente ed intelligente di festeggiare in modo adatto il passaggio di settanta primavere sui calendari della Marvel, e lo fa con allegria, con arguzia e in modo interessante, e di sicuro non gli si può chiedere di più.

Sandro Pescara

© 2010 - 2011 Vintage Comics

 

TAGS
  Marvel; Chronicle; storia; supereroi; Volume; anniversario;
COMMENTA
  puoi commentare questo articolo sul nostro Forum, cliccando qui

 

 

questo articolo è stato scritto da
Sandro Pescara

 

COMMENTI

Puoi commentare questo articolo cliccando qui
COLLABORA CON NOI

Se vuoi entrare a far parte della Redazione di VintageComics.it
clicca qui

 


CREDITS, POLICY E DIRITTI

© 2011 - www.vintagecomics.it