Asterix & Co.
Cinquanta e non sentirli

Era il 29 ottobre del 1959 quando il mondo venne a conoscenza di un piccolo villaggio dell'Armorica non ancora conquistato dalle truppe romane di Cesare, e con esso conobbe il piccolo Asterix, il fidato Obelix e tutta l'allegra combriccola che da oramai cinquanta anni ci delizia con le sue avventure.


Nato dalla penna di Renè Goscinny e dalla matita di Alberto Aleandro (Albert) Uderzo, il piccolo gallo che in questi cinquanta anni è diventato uno dei personaggi dei fumetti più famosi del mondo esordisce sulle pagine del primo numero di Pilote, e da quel giorno è diventato il simbolo fumettistico di una intera nazione. In questo guerriero di piccola taglia ma grande temperamento, un vero e proprio gigante di ingegno e coraggio, i francesi si riconobbero e vi ricondussero i tratti della "Grandeur" francese in quei momenti un po' offuscata, decretandone fin da subito un successo che prese alla sprovvista gli stessi creatori. Il duo comico Asterix/Obelix sembra studiato appositamente per incarnare le caratteristiche gallo-celtiche dei cugini di oltralpe, che infatti vi si riconoscono immediatamente e con entusiasmo: Asterix è brontolone, testardo, rissoso e buontempone ma coraggioso e ingegnoso, Obelix ingordo, attaccabrighe, permaloso, irascibile, intemperante ma fedele e corretto come un vero amico deve essere. Probabilmente complice anche il periodo storico, a pochi anni dalla fine della Guerra e contemporaneamente al ritorno al potere di De Gaulle, il fumetto incarnò in se le speranze, i sentimenti e l'aria che si respirava nella Francia di allora.

Pubblicato in oltre 107 tra lingue e dialetti, Asterix ha invaso il mondo intero con più di trecentoventicinque milioni di albi venduti, e la sua fortuna non accenna a diminuire nonostante un naturale declino creativo nelle storie pubblicate. Questo soprattutto dopo la morte prematura a soli 51 anni di Goscinny nel 1977, che fece si che Uderzo si occupasse tanto dei disegni quanto dei testi degli albi. Asterix fu all'epoca il personaggio che riuscì a rivaleggiare con gli "stranieri" Tin Tin, Blake e Mortimer, in un mercato importante da sempre come quello francese per il fumetto che si trovava senza un vero e proprio campione in casa. Per capire quanto rapidamente e quanto intensamente la figura del piccolo gallo fece breccia nel cuore dei francesi basti pensare che Astérix fu il nome che venne dato al primo satellite arificiale transalpino nel 1965, a soli sei anni dalla nascita del personaggio. Infine, a consacrarne il successo, nel 1989 è stato innaugurato un parco giochi tematico alle porte di Parigi intitolato ad Asterix e compagni, che ogni anno conta più di due milioni di visitatori.

In Italia la prima apparizione di Asterix, Obelix e compagni avvenne nel 1967 grazie alla rivista Linus, che su un numero speciale intitolato Asterlinus presentò per la prima volta il personaggio con la storia "Asterix e i Britanni". Sucessivamente, nel 1968, la Mondadori iniziò le pubblicazioni dei volumi cartonati in stile franco-belga, con l'uscita di "Asterix il Gallico", "Asterix e Cleopatra" e "Asterix Legionario". Buona parte del successo italiano è dovuto alla splendida traduzione dell'inimitabile Marcello Marchesi, che ricamò in italiano con arte e sapienza i tormentoni linguistici originali (ad esempio si "inventò" il famoso "Sono Pazzi Questi Romani!" citato da Obelix, che non esisteva nella stesura originale francese).
Sempre nel 1967 uscì il primo cartone animato con i galli protagonisti, "Asterix il Gallico", che ricalcava la trama del fumetto omonimo. Inizialmente pensato per la televisone e successivamente dirottato verso le sale cinematografiche, la pellicola riscosse un successo travolgente tanto che Goscinny e Uderzo, che non erano stati coinvolti nella realizzazione del primo film, si riappropiarono immediatamente dei propri ruoli e dei personaggi e con l'uscita della pellicola successiva, "Asterix e Cleopatra" del 1968 bissano il successo. E di film in film ad oggi il personaggio conta otto cartoni animati e tre pellicole con attori in carne ed ossa, forse i meno riusciti anche se in patria sono stati tutti campioni di incassi.

Probabilmente questo è uno dei casi un cui una descrizione dei personaggi e delle storie è totalmente superflua, anche chi non è appassionato di fumetti conosce la storia di Asterix e la pozione magica creata dal Druido Panoramix, la stessa che Obelix non può bere essendo caduto da piccolo nel paiolo dove si preparava. In Rete sono presenti decine e decine di siti dedicati al personaggio, e basta digitare "Asterix" su un qualsiasi motore di ricerca per essere proiettati nella Gallia del 50 d.c., in un piccolo villaggio dell'Armorica...


Per chi fosse interessato ad approfondire gli aspetti del personaggio consiglio di recuperare un albo pubblicato dalla Mondadori nel 1996, intitolato "Asterix - Questo si che è un anniversario!". Il volume è la traduzione italiana de "Le Journal exceptionnel d'Astérix" edito dalle edizioni Albert/René nel 1994 in Francia in occasione dei 35 anni del personaggio.
Sul fascicolo, realizzato in un grande formato 24,5 x 34,5 con 48 pagine patinate a colori, oltre alla storia dei personaggi e degli autori si trovano riferimenti storici legati alle varie uscite degli albi nel tempo, e soprattutto ci sono delle interessanti tavole "tributo" realizzate da diversi disegnatori nei loro stili per omaggiare i personaggi di questa serie, compresa la nostra Grazia Nidasio con una storia su quattro tavole che riprende appieno le atmosfere e i tratti delle tavole di Asterix. Il fascicolo è pieno di aneddoti e curiosità, tanto da non lasciare sicuramente a bocca asciutta gli amanti della saga. Ad esempio, si viene a scoprire che il nome di Idefix, il piccolo cane di Obelix, fu scelto con una sorta di concorso tra i lettori di Pilote, attraverso i suggerimenti che questi inviarono per posta dopo l'apparizione del piccolo quadrupede, ancora senza nome, nella storia "Asterix e il giro di Gallia".
In totale ad oggi sono stati pubblicati 38 tra volumi e storie con le avventure di Asterix, Obelix e compagni. Dal primo "Asterix il Gallico" del 1959 ad "Asterix ed i Belgi" tutti i fumetti furono sceneggiati da René Goscinny, i successivi invece sono stati scritti e disegnati dal solo Albert Uderzo, e purtroppo la differenza si sente, e il divario acuisce man mano che gli albi si succedono in edicola. L'ultima fatica, "Il compleanno di Asterix e Obelix. L'albo d'oro", più che una storia unica è un insieme di situazioni dove i trecento personaggi apparsi negli episodi che hanno costellato questi cinquanta anni di strada scrivono un biglietto o cercano un regalo per i cento lustri di vita di Asterix.
Albert Uderzo ha recentemente dichiarato: "Voglio che Asterix mi sopravviva e finché ne avrò la possibilità lavorerò a nuove avventure", quindi a noi non resta altro che augurargli ancora tanti anni di attività e che le storie del piccolo gallo e della sua allegra combriccola continuino a portarci allegria e spensieratezza, e che come dice Abraracourcix, il cielo non ci cada sulla testa.

Bibliografia (da Wikipedia):
1959: Asterix il gallico (Astérix le Gaulois) su Pilote n. 1 - 38 (ripubblicato in album nel 1961)
11 agosto 1960: Asterix e il falcetto d'oro (La Serpe d'Or), su Pilote n. 42. Prima apparizione come personaggio primario di Obelix
18 maggio 1961: Asterix e i Goti (Astérix chez les Goths), su Pilote n. 82
22 marzo 1962: Asterix gladiatore (Astérix Gladiateur), , su Pilote n. 126. Prima comparsa dei pirati.
7 febbraio 1963: Asterix e il giro di Gallia (Le Tour de Gaule), su Pilote n. 172. Prima comparsa di Idefix.
5 dicembre 1963: Asterix e Cleopatra (Astérix et Cléopatre), su Pilote n. 215
22 ottobre 1964: Asterix e il duello dei capi (Le combat des Chefs), su Pilote n. 261
9 settembre 1965: Asterix e i Britanni (Astérix chez les Bretons), su Pilote n. 307
28 maggio 1966: Asterix e i Normanni (Astérix et les Normands), su Pilote n. 340
10 novembre 1966: Asterix legionario (Astérix Légionnaire), su Pilote n. 368
15 giugno 1967: Asterix e lo scudo degli Arverni (Le Bouclier Arverne), su Pilote n. 399
Il 15 febbraio 1968 Asterix alle Olimpiadi (Astérix aux Jeux Olympiques), su Pilote n. 434
31 ottobre 1968: Asterix e il paiolo (Le Chaudron), su Pilote n. 469
22 maggio 1969: Asterix in Iberia (Astérix en Hispanie), su Pilote n. 498
8 gennaio 1970: Asterix e la zizzania (La Zizanie), su Pilote n. 531
9 luglio 1970: Asterix e gli Elvezi (Astérix chez les Helvète), su Pilote n. 557
4 marzo 1971: Asterix e il Regno degli dei (Le Domaine des Dieux), su Pilote n. 591
30 settembre 1971: Asterix e gli allori di Cesare (Les Lauriers de César), su Pilote n. 621
4 maggio 1972: Asterix e l'indovino (Le Devin), su Pilote n. 652
31 maggio 1973: Asterix in Corsica (Astérix en Corse), su Pilote n. 687
1974: Asterix e il regalo di Cesare (Le Cadeau de César).
1975: Asterix in America (La grande traversée).
1976: Asterix e la Obelix SpA (Obélix et Compagnie).
1977: Le dodici fatiche di Asterix (Les 12 Travaux d'Asterix) Concettualmente l'ultimo episodio della serie.
1979: Asterix e i Belgi (Asterix et les Belges)
12 giugno 1980 Asterix e il grande fossato (Le Grand Fossé), Edizioni Albert-René. È il primo episodio scritto e disegnato da Uderzo, dopo la prematura morte di Goscinny.
1981: L'odissea di Asterix (L'Odyssée d'Astérix).
1983: Il figlio di Asterix (Le fils d'Astérix)
1985: Asterix e la sorpresa di Cesare, ispirato alle storie di Asterix legionario e Asterix gladiatore.
1987: Le mille e un'ora di Asterix (Astérix chez Rahazade).
1989: Come fu che Obelix cadde da piccolo nel paiolo del druido (Comment Obelix est tombé dans la marmite du druide quand il était petit) Idealmente, come dice lo stesso Uderzo nella prefazione, è il primo libro della serie. È stato scritto nel 1965, quando Asterix compiva il suo sesto anno di vita ed è ambientato quando il personaggio ha più o meno la stessa età.
1991: La rosa e il Gladio (La Rose et le Glaive).
1992: Asterix e compagni (Asterix: Mini histoires)
1996: Asterix e la galera di Obelix (La Galère d'Obélix).
2001: Asterix e la traviata (intitolato inizialmente Asterix e le armi di Pompeo).
2003: Asterix tra banchi e... banchetti (Asterix e la rentrée gauloise).
2005: Quando il cielo gli cadde sulla testa (Le ciel lui tombe sur la téte).
2009 Il compleanno di Asterix & Obelix. L'albo d'oro (L'anniversaire d'Astérix et Obélix - Le Livre d'or)

Sandro Pescara

© 2010 - 2011 - Vintage Comics

Tags
Asterix; Obelix; BD; fumetto; francobelga; Goscinny; Uderzo;
COMMENTA
  puoi commentare questo articolo sul nostro Forum, cliccando qui

 

 

questo articolo è stato scritto da
Sandro Pescara

 

COMMENTI

Puoi commentare questo articolo cliccando qui
COLLABORA CON NOI

Se vuoi entrare a far parte della Redazione di VintageComics.it
clicca qui

 


CREDITS, POLICY E DIRITTI

© 2011 - www.vintagecomics.it